Ucraina: Mosca, produzione cibo non compensa deficit da embargo

MoscaI produttori russi non riescono a compensare completamente il deficit dei prodotti alimentari, di cui e’ stata vietata l’importazione dai Paesi che hanno imposto sanzioni a Mosca per la crisi ucraina. Sono le conclusioni a cui sono giunti sia il ministero dell’Economia russo, che la Corte dei Conti, i quali si aspettano anche un continuo aumento dei prezzi nel settore. L’embargo si sentira’ in modo maggiore nel comparto carni e lattici, stando a un rapporto della Corte dei conti, citato da Kommersant. In particolare, sulla produzione casearia pesano i costi elevati e gli insufficienti finanziamenti pubblici. Il rapporto conferma le previsioni del ministero dell’Economia, dove gia’ si prevedeva un aumento dei prezzi e una riduzione del consumo di latticini. Da agosto, quando e’ entrato in vigore l’embargo russo, piu’ di tutti sono aumentati i prezzi del formaggio e secondo le previsioni il trend continuera’ anche il prossimo anno. In queste condizioni, la Corte dei conti propone di sovvenzionare i tassi di interesse sui prestiti agli agricoltori, che vogliano aprire nuove produzioni o centri di lavorazione, stoccaggio e consegna di generi alimentari. (AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.