Ue: 10 paesi contro la liberalizzazione dei vigneti

Buone notizie per i produttori di vino italiani, anche la Spagna ha raggiunto il gruppo di nove Stati europei, tra cui cui l’Italia, che dicono no alla liberalizzazione dei vigneti prevista dalla riforma europea del settore nel 2015. Lo ha annunciato il ministro francese dell’agricoltura Bruno Le Maire, a margine ai lavori del consiglio dei ministri dell’agricoltura che si e’ concluso ieri a Bruxelles. Il ministro francese ha sottolineato, con soddisfazione, che con l’adesione della Spagna e’ ormai maggioritaria la coalizione di Stati membri che chiede alla Commissione europea di rivedere la soppressione dei ‘diritti di impianto’ nel settore vitivinicolo (misura che regolamenta la superficie che in Europa puo’ essere destinata alla produzione di vino). Se la soppressione del sistema dovesse entrare in vigore, ha messo in guardia Le Maire, si tradurrebbe in ”sovrapproduzione, riduzione dei prezzi e diminuzione della qualita”’. La richiesta e’ stata presentata al commissario Ue all’agricoltura, Dacian Ciolos, con una lettera inviata il 4 aprile scorso e sottoscritta, oltre che dal ministro per le politiche agricole e alimentari Saverio Romano, anche da Francia, Germania, Ungheria, Romania, Cipro, Portogallo, Grecia e Austria. In Italia la produzione di vino rappresenta uno dei principali comparti economici nel settore agroalimentare. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.