Ue: Ciolos, su latte nuove proposte entro 2010


Si’ alla fine delle quote di produzione di latte nel 2015 in Europa, ma anche un nuovo pacchetto legislativo per migliorare il funzionamento del settore lattiero caseario entro il 2010, senza attendere la grande riforma della politica agricola Ue post 2013. Cosi’ il commissario europeo all’agricoltura Dacian Ciolos – poco prima di partire per Taormina dove domani partecipera’ alla Conferenza sul futuro dell’agricoltura europea – ha confermato davanti ad oltre 400 delegati di tutti i comparti della filiera lattiero casearia, la volonta’ di Bruxelles di continuare ad impegnarsi in favore del settore e non solo. Agli operatori, ma anche ai rappresentanti politici e amministrativo presenti alla riunione odierna dedicata al futuro del latte, Ciolos ha parlato di competitivita’ e di trasparenza per ”un settore senza quote ma non senza reti di sicurezza efficaci e reattive”. Sul contenuto delle future proposte Ciolos intende valorizzare al massimo i lavori del Gruppo ad alto livello Ue sul latte che presentera’ a giugno le sue conclusioni, per poi discutere le raccomandazione il prossimo luglio al Consiglio dei ministri Ue, quindi lavorare su una proposta della Commissione. ”Abbiamo bisogno di misure a breve e a lungo termine – ha aggiunto Ciolos – quanto ai contenuti: ”Nulla si esclude al momento. Tuttavia non saranno misure di bilancio ma misure legate alla normativa di regolamentazione del settore”. Questi gli elementi che Ciolos ha tenuto a sottolineare: – PREZZI LATTE – C’e’ ancora troppa volatilita’ dei prezzi e questo richiede interventi da parta nostra; – FINE QUOTE LATTE – Non bisogna ritornare su questa decisione; – REGIONI LATTIERE – In certe aree la produzione e’ essenziale, senza di essa la continuita’ della vita rurale e’ messa in pericolo. Rifletteremo a delle soluzioni adeguate; – MERCATO – Deve essere un orientamento ragionevole con un nuovo inquadramento e nuove relazioni tra gli attori della filiera; – PRODUTTORI – Rafforzare ruolo organizzazioni produttori; – CONCORRENZA – Lavorero’ – ha detto – con il collega della concorrenza per trovare soluzioni adeguate senza rimettere in causa il buon funzionamento del mercato; – CAPACITA’ NEGOZIALE – Mettere i produttori in condizioni di discutere da pari a pari con partner industriali e commerciali; – FILIERA – Deve essere piu’ solidale, trasparente e solida. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.