Ue: Corte, fare di più per tutelare l’acqua in agricoltura

Irrigazione, Foto Gabriele Arlotti 1La Corte dei Conti europea punta il dito contro la Commissione e i singoli Governi dell’Ue affermando che non fanno abbastanza, tramite i fondi a disposizione, per garantire un uso sostenibile delle acque nell’ambito della Politica agricola europea. Senza contare – scrivono – che l’agricoltura, “nell’assorbire in maniera del tutto logica il 33% delle risorse idriche, é anche causa d’inquinamento delle acque tramite l’uso di sostanze nutritive”. I controllori delle finanze dell’Ue sono giunti a queste conclusioni al termine di un audit realizzato nel 2012 e 2013 in sette Paesi membri: Italia (Lombardia), Francia, Spagna, Grecia, Danimarca, Olanda e Slovacchia. La relazione pubblicata a Lussemburgo, pur sottolineando “che dei progressi sono stati registrati per integrare nella Pac gli obiettivi della politica Ue in materia di acque”, afferma però che gli strumenti a disposizione restano limitati rispetto alle ambizioni della Pac. Insomma, afferma il relatore della Corte, Kevin Cardiff, “gli Stati membri devono fare di più per allineare i programmi di sviluppo rurale e gli interventi a tutela delle risorse idriche, e devono eliminare i ritardi nell’applicazione della direttiva quadro sulle acque”. Immediata é stata la reazione della Commissione europea dicendosi “consapevole di alcune debolezze” nell’uso degli strumenti a disposizione, ma assicurando di “aver preso provvedimenti che dovrebbero portare a ulteriori miglioramenti nel 2014-2020”. Bruxelles ha anche proposto che la direttiva Ue sulle acque e l’uso sostenibile dei pesticidi rientrino tra i requisiti ambientali per ottenere determinati pagamenti della Pac. (ANSA).

Un Commento in “Ue: Corte, fare di più per tutelare l’acqua in agricoltura”

Trackbacks

  1. Ue: Corte, fare di più per tutelare l'ac...

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.