Ue, patata subisce contraccolpo bando Russia

patate 3“L’Europa deve prendere sul serio il settore della patata colpito dall’embargo russo ma di cui nessuno parla”. L’appello alle istituzioni Ue é stato lanciato dai produttori del settore, al termine di un ampio confronto tra i rappresentanti delle organizzazioni agricole e cooperative dell’Ue (Copa e Cogeca). Il bando russo infatti, ha colpito il 37% dell’export di patate europee, in base ai dati del 2013, con conseguenze negative che ricadono indirettamente sui produttori italiani in tutto il Paese. La patata infatti, viene coltivata in tutte le Regioni: dal Piemonte alla Liguria, dal Veneto alla Lombardia, dal Trentino-Alto Adige al Friuli, dall’Emilia Romagna alla Toscana, ma anche Abruzzo, Molise, Lazio, Campania, Puglia, Basilicata fino alla Sila, in Calabria. “Siamo estremamente preoccupati – ha detto all’ANSA Fausto Bosca di Unapa (l’Unione nazionale delle associazione dei produttori di patate) – almeno per due motivi. In primo luogo, sono aumentati del 5% gli investimenti nel settore e si prevede uno dei raccolti più importanti degli ultimi anni. Ci sono quindi le premesse per un certo squilibrio tra domanda e offerta”. Inoltre – ha aggiunto – “la parte della produzione Ue, come quella francese e tedesca, che non può più confluire verso la Russia é destinata ad essere esportata verso il Sud dell’Europa, tra cui l’Italia. I nostri produttori non possono fare concorrenza ai prezzi (oggi 12-13 centesimi il kg franco arrivo) degli Partner de Nord Europa in quanto hanno costi di produzione più elevati”. Chiediamo quindi all’Ue – ha precisato Bosca – “di introdurre elementi di regolamentazione del mercato del settore delle patate, il più discriminato della Politica agricola comune in quanto non é gestito da un’organizzazione comune di mercato, nè riceve un sostegno comunitario”. Bisogna correre ai ripari – ha rilanciato Luciano Torreggiani, coordinatore di Fedagri per il settore – indicando che é necessario “intensificare i controlli per evitare che venga cambiata, grazie ad alcuni commercianti che si prestano a farlo, l’origine del prodotto importato che, una volta passato la frontiera diventa italiano”. Per Torreggiani é “più che mai il momento di attuare il piano sulla patata deciso nel 2012”. Come espandere il mercato europeo? La Commissione ha fatto sapere che sta lavorando per estendere la presenza europea in America Latina, in particolare in Brasile, ma anche in Asia e soprattutto in Africa. La prossima settimana poi, il Parlamento di Kiev dovrebbe approvare la liberalizzazione con l’Ue – dal prossimo primo novembre – del commercio della patata. Questo però non basta. Copa e Cogeca chiedono all’Esecutivo di “rimuovere nei prossimo negoziati commerciali con i Paesi extra-Ue la burocrazia, le barriere non tariffarie e quelle fitosanitarie. Ma anche proteggere i diritti di proprietà intellettuale per i tuberi-seme rafforzando la promozione del prodotto fresco”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.