Ue: per i bovini arriva l’identificazione elettronica


La Commissione europea rafforza le garanzie di sicurezza alimentare della carne grazie all’identificazione elettronica dei bovini. La novità è contenuta in una proposta adottata oggi dall’esecutivo Ue. Già usata in alcuni Stati membri per controllare meglio i bovini, l’identificazione elettronica sarà ora applicata su larga scala e consentirà, spiega la Commissione europea, di rafforzare tutto il sistema di tracciabilità delle derrate alimentari provenienti da carni bovine. Il nuovo sistema non sarà tuttavia obbligatorio nell’Ue, anche se Bruxelles autorizza fin da ora gli Stati membri a renderlo tale sul loro territorio. “Si tratta di un passo avanti importante – ha commentato il commissario Ue alla Salute John Dalli – verso una catena di produzione alimentare più sicura in tutta l’Ue. Una volta applicata, faciliterà la notifica dei movimenti degli animali e potremo più facilmente risalire ai bovini o agli alimenti non in regola, evitando così ogni minaccia per la catena di produzione alimentare”.(ANSA).

2 Commenti in “Ue: per i bovini arriva l’identificazione elettronica”

  • miro scritto il 1 settembre 2011 pmgiovedìThursdayEurope/Rome 17:15

    é dal 2002 che noi allevatori lo stiamo chiedendo;se si vuole essere certi dei capi presenti sul territorio mettiamoci stò benedetto CIP che forse le cose si chiariranno in particolar modo per la triste vicenda delle quote latte .
    Non è possibile che ancor’oggi nel 2011non si riesca a chiarire quante vacche vi siano sul territorio.
    Quante volte siano state le richieste da pate degli allevatori di inserimento della tracciabilità elettronica ormai non si contano più. Chiaramente da parte delle istituzione vi è sempre stato un diniego assoluto adducendo le più svariete scusanti quali l’inutilità del sistema,la scarsa affidabilità,oppure,clamorosamente,NON SI POSSONO SERVIRE BISTECCHE CON DENTRO PEZZI DI METALLO.
    sarebbe auspicabile che il nostro paese si adeguasse alla norma anche se penso proprio che non avverà mai! Come si farebbe poi a truffare e speculare sui contributi comunitari come per esempio su quelli delle vacche nutrici che secondo quanto compare sulla CARTA sarebbero ben 800.000 ? A 300euro cadauna fà una bella cifretta! Meditiamo gente Meditiamo..

  • andrea scritto il 4 settembre 2011 amdomenicaSundayEurope/Rome 10:04

    PAROLE SANTISSIME MIRO!!! PAROLE SANTISSIME!!! E’ ORA DI SMETTERLA CON QUESTA GENTE CHE SPECULA SULL’AGRICOLTURA A DANNO DELLA GENTE CHE SI ROMPE LA SCHIENA TUTTO IL GIORNO!!!

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.