Ue-Usa: Aicig, su indicazioni geografiche posizioni distanti

parmigiano
Sulle indicazioni geografiche le posizioni di Stati Uniti e Unione Europea ”appaiono ad oggi difficili da conciliare”. Lo afferma Leo Bertozzi che, nei negoziati Ttip, l’Accordo di partenariato transatlantico su commercio e investimenti tra Ue e Usa di cui si sta discutendo a Bruxelles fino al 6 febbraio, ha preso la parola per conto di Aicig, l’associazione dei Consorzi di tutela dell’agroalimentare made in Italy. ”Anche ai consumatori americani – ha detto – è dovuta la chiarezza già garantita ai consumatori europei dal sistema delle indicazioni geografiche comunitarie”. Aicig rileva la contraddittorietà della posizione statunitense, che reclama il diritto di proteggere i nomi “generici”. “Ma se un prodotto è generico” – ha sottolineato il rappresentante di Aicig – “che bisogno ha di essere tutelato o, addirittura, di adottare il nome specifico di un territorio?”. I rappresentanti dei consorzi dei formaggi Asiago, Gorgonzola e Parmigiano Reggiano hanno poi conformato la posizione di Aicig, Origin, Euro Coop, Copa-Cogeca e delle tante associazioni di categoria che nel corso della giornata si sono alternate nel ribadire il valore e l’importanza del sistema delle indicazioni geografiche: “se le nostre denominazioni sono ormai divenute generiche negli Stati Uniti”, hanno affermato i Consorzi, “non si comprende la necessità di utilizzarle spesso e volentieri in accoppiata alla bandiera italiana o a riferimenti al Belpaese”. Durante il dibattito, rende noto Aicig, è emersa la proposta di stimolare la creazione di marchi originali e di indicazioni geografiche anche negli Stati Uniti. Il riconoscimento delle rispettive indicazioni avrebbe il merito di stimolare i flussi commerciali e di stemperare il dibattito sull’uso “parassitario” delle denominazioni e dei prodotti Italian, o meglio, European sounding, da parte dei produttori americani. Resta tuttavia inconciliabile con la posizione comunitaria la visione del Dairy Export Council. ”Forse gli Stati Uniti – conclude Pier Maria Saccani, Segretario Generale Aicig – vogliono solo appropriarsi di ciò che la loro storia non gli riconosce. Dobbiamo insistere per la salvaguardia del nostro patrimonio: non proteggere indicazioni geografiche come Asiago, Gorgonzola, Fontina, Pecorino Romano sarebbe come non tutelare il Colosseo o San Marco”. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.