Umbria: 100 mila euro per il biologico


Circa centomila euro per far conoscere e promuovere il consumo dei prodotti da agricoltura biologica: e’ quanto prevede il progetto ”Le strade del Bio: percorsi educativi ed enogastronomici alla scoperta delle eccellenze biologiche dell’Umbria”, del quale la Giunta regionale dell’Umbria ha approvato i criteri selettivi che saranno contenuti in un bando pubblico di prossima pubblicazione. Il bando, che e’ rivolto ai produttori e alle loro associazioni, prevede due tipologie di incentivi: ”Educare al biologico” e ”Le strade del Bio”. Alla prima sono assegnati 40.252euro mentre la seconda potra’ contare su risorse pari a 60.373euro. Gli incentivi, configurandosi come contributi di stato, potranno essere erogati in base al sistema cosiddetto ”de minimis” cioe’ a soggetti o imprese che nell’ultimo triennio abbiano percepito aiuti, compreso il contributo in questione, non superiori a 200mila euro. I progetti, si legge nella delibera approvata dalla Giunta regionale, ”dovranno comprendere un insieme di azioni coordinate in grado di valorizzare le produzioni biologiche regionali con diretta ricaduta sui produttori primari e sensibilizzare il mondo della scuola, in modo da stimolare una cultura del biologico nei giovani, incoraggiando un atteggiamento consapevole nei confronti degli alimenti e soprattutto dei reali valori ambientali, nutrizionali e salutistici legati all’alimentazione biologica”. Una Commissione di valutazione, composta da tecnici e dirigenti della Regione, avra’ il compito, nel caso di domande superiori alle disponibilita’ finanziarie, di stilare una graduatoria tra di esse, sulla base di criteri a punteggio, che dovranno tenere conto della qualita’ progettuale, dei numero dei soggetti coinvolti e della loro rappresentativita’, delle metodologie, degli strumenti, delle tecniche e delle fonti di informazione utilizzate per le attivita’ di promozione e della esperienza maturata dal soggetto richiedente. ”Il cosiddetto ‘biologico’ – ha detto l’assessore all’agricoltura Fernanda Cecchini – rappresenta una componente fondamentale di quella ‘agricoltura di qualita” verso la quale sono orientate le politiche regionali e nella quale risiedono le possibilita’ di consolidamento e sviluppo del settore in Umbria, in una regione cioe’ che, per la sue piccole dimensioni, non puo’ che pensare di affrontare e vincere la sfida della competitivita’ sul terreno, appunto, della qualita’ delle proprie produzioni. L’obiettivo che ci proponiamo, nella regione e fuori di essa, – ha detto ancora l’assessore – e’ quello di far conoscere i ‘nostri’ prodotti biologici, sensibilizzare sempre di piu’ verso di essi la pubblica opinione e ottenere, di conseguenza, l’aumento del loro consumo”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.