Una spia molecolare ci dirà se la mozzarella è taroccata

Un marcatore molecolare, una ‘spia’ molecolare, svelera’ se la mozzarella pugliese e’ taroccata, ovvero fatta con materia prima proveniente da Paesi europei e non, con latte piu’ volte pastorizzato o con semilavorati, in genere cagliata, da parte di alcune imprese casearie che, irrispettose del territorio e dei consumatori, preferiscono al latte pugliese i semilavorati importati da Paesi UE ed extra comunitari. L’annuncio viene dalla Coldiretti Puglia, che e’ riuscita a far finanziare – rivela il direttore Antonio De Concilio – la ricerca sul marcatore molecolare, messa a punto dalla Facolta’ di Agraria dell’Universita’ di Bari, contro le ‘scorciatoie tecnologiche’ che inquinano il mercato della mozzarella pugliese, troppo spesso ‘costruita in laboratorio’ utilizzando latte in polvere, preparati alimentari (i fusi) o semilavorati (cagliate) importati dall’estero. E’ stato individuato un marcatore molecolare per il rilevamento della cagliata refrigerata o congelata nei formaggi a pasta filata.
Pertanto, d’ora in avanti si potra’ rintracciare la materia prima con cui e’ stata prodotta la mozzarella. Se viene utilizzato il latte, il marcatore nella frazione proteica analizzato e’ quasi impercettibile, nel caso di cagliata congelata e’ decisamente evidente. “Renderemo noti fra pochi giorni a Bari i risultati delle prime analisi condotte su campioni di mozzarelle pugliesi e non pugliesi ma commercializzate sul territorio regionale”, dice la Coldiretti pugliese, che prende posizione contro quei caseifici che ‘inquinano’ la qualita’ della mozzarella pugliese. E a questo proposito “devono venire fuori – dice il presidente Pietro Salcuni – i nomi dei trasformatori che creano un vero e proprio mercato parallelo delle paste filate che ‘inquina’ quello del latte pugliese, inganna il consumatore, e toglie all’economia zootecnica regionale oltre 90 milioni di euro. Nel pieno rispetto delle norme vigenti, i Nas e tutti gli organismi preposti al controllo devono comunicare i nomi di quei caseifici che immettono sul mercato prodotti contraffatti e nocivi per la salute umana”. Una richiesta che arriva dopo l’ennesimo sequestro da parte dei carabinieri dei Nas di Bari di cinque tonnellate di prodotti caseari (panna, cagliata, formaggi) in cattivo stato di conservazione ed in parte scaduti, presso un caseificio di Putignano (nel barese), a pochi giorni dal sequestro di prodotti lattiero-caseari avvenuto a Mottola, nel tarantino. In Puglia la produzione di latte e’ pari a circa 3,2 milioni di quintali, derivante da 2.700 allevamenti con 82.000 capi bovini allevati per la produzione di latte vaccino e la conseguente produzione di prodotti caseari di tutto prestigio come il ‘Fior di Latte’, la burrata, il cacioricotta, il caciocavallo, ecc. (AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.