Unanimità per il piano d’azione 2014-2020 del GAL Appennino Bolognese

ambienteOltre 15,2 milioni di euro di investimenti attesi, dei quali 9,35 milioni di contributi pubblici europei, nazionali e regionali saranno investiti nei prossimi anni in tutto il territorio collinare e montano di pertinenza del GAL Appennino Bolognese, la società mista pubblico-privata operante nella gestione dei fondi comunitari, allo scopo di valorizzare la montagna e collina bolognese e imolese dal punto di vista turistico e delle produzioni agricole di qualità, ponendo anche una specifica attenzione ai negozi di vicinato, ai pubblici esercizi e ai servizi e alle produzioni artigianali, riconoscendone così l’utilità e la funzione sociale per i paesi e le borgate del nostro appennino.
Con voto unanime l’Assemblea dei soci del GAL ha approvato il 5 aprile il Piano di Azione dell’Appennino bolognese, da sottoporre all’approvazione finale della Regione Emilia Romagna, la cui strategia è sintetizzata dal titolo “Più valore all’Appennino”, dove si mette in luce il territorio quale risorsa e motore dell’economia locale, agendo su due leve fondamentali fra loro collegate: il turismo sostenibile e l’innovazione delle filiere produttive agricole di qualità del territorio.
Lo slogan del Piano è “Fare del turismo il motore dell’economia locale”, che significa sostenere gli investimenti e la promozione del settore turistico considerato come volano per la qualificazione, il potenziamento e la valorizzazione delle filiere produttive tipiche, con ricadute positive in termini economici ma anche sociali, per fronteggiare le condizioni di fragilità presenti nella montagna e collina bolognese.
Il Piano si compone di 12 azioni, 8 di tipo ordinario (comprese nel Piano di Sviluppo Rurale, il PSR) e 4 LEADER (specifiche per il territorio), oltre alle azioni di cooperazione che completano così il quadro degli investimenti da attivare con i contributi pubblici.
Con l’approvazione da parte dei Soci del Piano si conclude dunque la fase di definizione della programmazione fino al 2020 per l’appennino bolognese, a cui seguirà nei prossimi mesi il confronto con la Regione, per poi attivare i primi bandi di contributo all’inizio del 2017. L’obiettivo è quello di impegnare e liquidare almeno il 70% delle risorse disponibili entro il 2019, al fine di concorrere a risorse aggiuntive, a titolo di premialità, per un ulteriore milione di euro.
Nel Piano, particolare attenzione è stata posta alla definizione degli strumenti operativi fra cui la proposta innovativa ideata dal Tavolo di coordinamento del turismo dell’Appennino Bolognese basata sulla Carta dei Servizi: lo strumento aperto all’adesione volontaria di enti e operatori del appennino finalizzato a qualificare l’offerta turistica e produttiva, una vera e propria Carta della qualità del territorio e delle imprese.
Al termine dell’Assemblea che ha approvato il Piano, Il Presidente del GAL Appennino bolognese, Tiberio Rabboni, ha così commentato: “Il Piano di Azione deliberato dai soci del GAL punta decisamente allo sviluppo integrato del turismo sostenibile e delle filiere dei prodotti agricoli di qualità, di cui è ricco il nostro territorio. Si tratta di ambiti che devono essere promossi e valorizzati in modo coordinato, in base anche alle indicazioni europee, per contribuire a rendere l’Appennino bolognese attraente e competitivo”, mentre il Vicepresidente Alessandro Bernardini, ha messo in evidenza come il Piano del GAL “dedichi significativa attenzione alla promozione e alla qualificazione delle piccole imprese dell’appennino bolognese sia agricole, ribadendone la grande importanza per il presidio del territorio ma anche, finalmente, del commercio, turismo, pubblici esercizi, artigianato e cooperazione, per mantenere la fondamentale presenza di servizi di vicinato, di aggregazione e di valore sociale per i nostri paesi, borgate e frazioni”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.