Uova e pollame reggono la crisi. +4% nel 2012

pollo 1Il settore avicunicolo è strategico per l’intero comparto agroalimentare, capace di totalizzare nel 2012 un fatturato pari a 5750 milioni di euro. Lo scorso anno, gli italiani hanno consumato 19,44 kg pro-capite di prodotti avicoli, pari al 4,1% in più rispetto all’anno precedente. In particolare, il pollo è comparso più spesso sulle tavole nostrane (12,73 kg), seguito dal tacchino (4,12). Stabili i consumi delle uova (13 kg pro-capite). Ad affermarlo è Unaitalia, l’associazione che rappresenta la filiera di carni e uova, in occasione della Fiera Avicola di Forlì. “La crisi c’é – ha commentato Guido Sassi, vicepresidente dell’associazione – ma il nostro settore, finora, è riuscito a fronteggiarla. Merito di una filiera integrata che riesce a remunerare tutte le sue componenti, di un ottimo rapporto qualità-prezzo, di un alto livello di sicurezza alimentare”. I dati comunicati da Unaitalia confermano la funzione anti-crisi delle carni avicunicole: un milione e 261mila tonnellate di carni e oltre 12 miliardi di uova prodotte nel 2012. A dimostrare l’appeal delle carni avicole, sono anche i dati dell’Osservatorio di mercato Unaitalia-Ismea per il 2013, il settore avicolo ha registrato un lieve aumento della domanda nazionale (+0,5%). Il pollo, soprattutto, ha visto crescere le vendite sia in volume che in valore (+1,3%). Buona la performance anche per le uova (+2%), nonostante l’ascesa dei prezzi medi. Finora, ha osservato il presidente Unaitalia, Aldo Muraro, “il comparto ha assorbito al proprio interno, senza scaricarle sul consumatore, le dinamiche della crisi economica. Ma non potrà continuare a lungo se non ci saranno interventi seri di rilancio dell’economia del Paese e di salvaguardia delle filiere agroalimentari zootecniche”. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.