Usa: revocata la richiesta di certificazione per il Brunello

”Sono molto soddisfatto per l’esito della vicenda che ha visto coinvolte alcune produzioni vitivinicole italiane. Il dialogo costante che abbiamo avuto con le autorita’ statunitensi dell’Alcohol TObacco Tax and Trade Bureau (Ttb) ci ha consentito di chiudere definitivamente la questione del Brunello, e di fare il punto sul Chianti Docg e il Toscano Igt, individuando anche su queste vicende una positiva conclusione”. Cosi’ il ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Luca Zaia, ha commentato l’esito dell’incontro tra gli uffici tecnici e diplomatici del Ministero e William Foster, assistant administrator di Ttb per discutere della vicenda del Brunello e delle indagini sui vini Chianti e Toscano Igt. ”E’ stata revocata definitivamente – prosegue Zaia – con effetto immediato, la richiesta di certificazione di accompagnamento per le aziende produttrici di Brunello non coinvolte nell’inchiesta. Riguardo alle sette aziende coinvolte nelle indagini, stiamo valutando la possibilita’ di redigere una singola certificazione annuale in cui sia assicurato che il vino esportato da queste case vinicole rispetta il disciplinare di produzione.” ”Inoltre – conclude Zaia – abbiamo consegnato la lettera del Ministero in cui si certifica che nessun quantitativo di vino ‘Chianti’ Docg e ‘Toscano’ Igt, prodotto dalle ditte interessate dal procedimento giudiziario e non conforme al disciplinare, e’ stato mai esportato verso il territorio statunitense. Visto l’esito positivo del caso Brunello, il Ttb accetterebbe le assicurazioni che abbiamo fornito alle autorita’ Usa, facendo cosi’ cadere la ventilata richiesta di una certificazione di accompagnamento anche per questi due vini”.
”Siamo estremamente soddisfatti per la revoca della richiesta di certificazione per l’importazione del Brunello di Montalcino negli Stati Uniti” ha commentato Cencioni, presidente del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino e ha aggiunto “Riteniamo che l’eliminazione della certificazione sia un passo di grande rilevanza, che ci auguriamo possa dare fiducia a tutti noi, non tanto per l’eliminazione del carico burocratico, quanto per la possibilita’ di facilitare le attivita’ di esportazione verso l’importante mercato degli Stati Uniti. Finalmente potremo lasciarci alle spalle tutte le polemiche e ricominciare a parlare di buon vino”.

2 Commenti in “Usa: revocata la richiesta di certificazione per il Brunello”

Trackbacks

  1. Revocata la richiesta di certificazione per il Brunello in USA | News Italia
  2. www.upnews.it

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.