Venezia: sequestrata tonnellata di vongole “proibite”

Circa una tonnellata di vongole pescate in acque proibite e una imbarcazione con attrezzature vietate sono state poste sotto sequestro dai carabinieri del nucleo natanti di Venezia nel corso di una operazione contro la pesca abusiva in laguna. Due pescatori di Pellestrina sono stati denunciati. Durante un controllo dell’area lagunare i militari dell’Arma hanno notato alcune imbarcazioni con a bordo persone che stavano procedendo alla raccolta dei molluschi in un’area tra il Canale dei Petroli e il canale Nuovo di Fusina, proibita alla pesca per motivi igienico-sanitari. I carabinieri hanno cosi’ bloccato una imbarcazione dove all’interno di numerose ceste c’era gia’ una tonnellata di vongole, mentre altro pescato era all’interno delle attrezzature usate per la raccolta abusiva. I due pescatori a bordo del mezzo sono risultati avere precedenti per fatti simili. Il pescato, per un valore di circa 7.000 euro, e’ stati gettato a mare. Lo scorso anno, il nucleo natanti dei carabinieri aveva posto sotto sequestro circa sei tonnellate e mezzo di vongole, mentre solo nei primi tre mesi di quest’anno i sequestri superano le due tonnellate. Le vongole raccolte in acque proibite, secondo gli investigatori, alimentano un mercato nero attraverso anche uso di documentazioni fasulle e conseguente possibile danno per la salute.(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.