Vespa cinese del castagno: in E-R riprende la lotta biologica

castagne2
Le quantità di Torymus disponibili consentiranno di effettuare un numero di lanci superiore a quello dello scorso anno, grazie soprattutto al materiale prodotto dalla biofabbrica di Carpineti, allestita dalla Regione Emilia-Romagna nel 2009 e la cui gestione è affidata al Servizio fitosanitario regionale, in collaborazione con il Centro di ricerca interdipartimentale Biogest-Siteia dell’Università di Modena e Reggio Emilia.
Da quest’anno partecipa all’allevamento del parassitoide anche il laboratorio di Entomologia del Centro Agricoltura Ambiente “Giorgio Nicoli”, il quale gestirà una seconda biofabbrica di Torymus sinensis (posta in provincia di Bologna), non appena entrerà in produzione.

Ulteriori lanci dell’antagonista naturale della vespa cinese, saranno forniti dall’Università di Torino, attraverso progetti messi in campo a livello nazionale dal Ministero per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e a livello regionale, dai Gal e dalla Regione Emilia-Romagna.

Il Servizio fitosanitario regionale che coordina il programma di lotta alla vespa cinese ha pianificato in questi giorni il calendario e i siti dei lanci propagativi del parassitoide. I lavori, in fase di conclusione, consentiranno in linea di massima l’esecuzione di 139 lanci.
Nel quinto anno del programma regionale di lotta biologica alla vespa cinese del castagno (Dryocosmus kuriphilus) e si cominciano a vedere i primi risultati: le immissioni di Torymus nei castagneti emiliano-romagnoli effettuati fino ad oggi hanno avuto successo, come dimostrano i controlli effettuati nei siti di lancio.I dati confermano che il parassitoide si è insediato nei nostri ambienti, ma occorrerà tuttavia tempo e ulteriori immissioni perché i livelli di popolazioni siano significativi e possano contrastare efficacemente la vespa.
A differenza di altri “insetti utili” utilizzati in agricoltura per la lotta biologica, il Torymus non può infatti essere allevato in laboratorio, ma è necessario che trovi direttamente nei castagneti le condizioni favorevoli per sopravvivere e riprodursi nelle galle, ingrossamenti della foglia di 5-20 mm di diametro, al cui interno ci sono le larve della vespa cinese.
Nel 2010 i lanci di Torymus nei boschi dell’Emilia-Romagna sono stati 4, tutti con materiale fornito dall’ateneo torinese; nel 2011 12 lanci, uno dei quali con parassitoidi allevati a Carpineti, mentre nel 2012 si è passati a 62 lanci di cui 38 grazie alla bio fabbrica regionale.
Quest’anno il materiale fornito fino ad oggi dalla bio fabbrica regionale ha consentito l’esecuzione di 62 lanci, ma i dati sono ancora provvisori. A questi si aggiungono altri 11 lanci, con materiale proveniente da Torino, in località ancora da definire.
La lotta contro la vespa cinese del castagno ha previsto a tutt’oggi una spesa di quasi 95 mila euro , di cui 40 mila dal bilancio della Regione, 40 mila dal Ministero delle politiche agricole (nell’ambito del Piano castanicolo nazionale avviato nel 2010 con una disponibilità finanziaria complessiva pari a 1 milione di euro) e circa 15 mila euro messi a disposizione dall’Asse 4 del Piano di Sviluppo Rurale attraverso i progetti dei due Gruppi di Azione Locale (Gal): Appennino Bolognese e Altra Romagna, ai quali hanno contribuito, rispettivamente, i Consorzi Castanicoltori (di Castel del Rio, dell’Appennino Bolognese e di Granaglione) e la Provincia di Ravenna.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.