Via libera dalla Ue al PSR dell’Emilia-Romagna

Fiera district BolognaVia libera al piano di sviluppo rurale 2014-2020 della Regione Emilia-Romagna che mette a disposizione risorse per 1 miliardo e 190 milioni, dotazione più alta tra tutte le Regioni del nord Italia. L’ok al piano che sosterrà l’agricoltura regionale per i prossimi sette anni, è arrivato con la ‘comfort letter’ della Commissione europea.

Competitività, ambiente, giovani e lavoro, banda larga e sviluppo delle aree rurali più fragili, alcuni degli obiettivi su cui la Regione ha puntato.

Soddisfatto il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, che ha ricordato come la prima voce del bilancio regionale è stata proprio quella del cofinanziamento dei fondi europei che raggiungono, con l’ok al Psr, 2,5 miliardi (il via libera per i 786 milioni del fondo sociale e per i 481 del fondo europeo per lo sviluppo regionale erano già arrivati): “Questi fondi per l’agricoltura – ha detto il presidente – sono un’occasione formidabile per una regione che già in passato ha utilizzato fino all’ultimo euro le risorse che arrivavano da Bruxelles. La priorità, anche in questo settore, resta il lavoro”. Bonaccini si è poi rivolto a chi, tra le opposizioni, aveva “ironizzato” sugli stop al piano “spero che ora che è stato approvato, che è la risposta migliore per dimostrare quanto di buono c’era, lo riconosca”.

Nel dettaglio il piano, illustrato dall’assessore all’agricoltura, Simona Caselli – che ha riconosciuto il lavoro fatto dal suo predecessore, Tiberio Rabboni – dispone oltre il 43,4% del totale dei finanziamenti (515,7 milioni in grado di generare interventi per una spesa totale di oltre 972 milioni) per sostenere la competitività, stabilizzare e aumentare la redditività delle imprese agricole. 128 di milioni di questi saranno destinati ai giovani: chi avvierà una nuova impresa agricola potrà contare su un premio di 30mila euro per il primo insediamento, che saliranno a 50mila nelle zone con vincoli naturali o di altro tipo. Inoltre gli under 40 avranno la priorità di accesso in tutte le misure del nuovo Psr. Gli altri obiettivi sono l’ambiente cui andranno 509,3 milioni per ridurre l’impatto delle attività agricole, tutelare gli habitat, la biodiversità, il paesaggio contrastando l’erosione di terreno agricolo e prevenire il dissesto idrogeologico. Infine, allo sviluppo delle comunità rurali andranno 139,8 milioni. In particolare, le aree rurali e appenniniche potranno contare su 51,5 milioni destinati all’implementazione della banda larga e ultralarga.

“Oggi è una buona giornata per l’agricoltura dell’Emilia-Romagna – ha detto Caselli – E’ stato un lavoro impegnativo per un’agricoltura complessa come quella di questa regione, con una grande biodiversità, abbiamo terreni anche sotto il livello del mare, in pianura, in collina e montagna; e con un grande numero di doc, igp e il maggior numero di coltivazioni bio in Italia”. L’assessore ha infine ricordato che i primi due bandi partiranno entro l’estate: quello per i giovani con misure per il primo insediamento delle imprese a sostegno del ricambio generazionale; e quello per gli indennizzi agli agricoltori che operano in zone svantaggiate”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.