Vigneti in città per abbattere la CO2

Impiantare vigneti in citta’ per pulire l’aria, essendo depuratori naturali in grado di assorbire grandi quantita’ di emissioni nocive. Ad averlo scoperto e’ uno studio dell’Universita’ di Firenze in collaborazione con Tenuta dell’Ornellaia, secondo il quale, dati alla mano, 100 ettari assorbono 1.500 tonnellate di anidride carbonica e aiutano a mantenere l’aria pulita. E dalla teoria alla pratica perche’, se i 47 ettari di Parco Sempione a Milano venissero adibiti a vigneto, secondo lo studio, la citta’ vedrebbe diminuire in 1 anno emissioni di CO2 di 705 tonnellate pari a quante ne producono 450 automobili che percorrono 10.000 km in un anno; a Roma, invece, gli 80 ettari di Villa Borghese assorbirebbero l’anidride carbonica emessa da 750 auto, pari a 1.200 tonnellate. La Tenuta dell’Ornellaia ha deciso di trasformare i propri vigneti in un vero e proprio laboratorio a cielo aperto per la rilevazione delle emissioni, un monitoraggio che continuera’ per tutta l’estate, come spiega Leonardo Raspini direttore generale e agronomo dell’azienda. Coordinatore del progetto e’ Giovanni Mattii, professore di Viticoltura della Facolta’ di Agraria dell’Universita’ di Firenze che spiega come le piante, che tramite la fotosintesi fissano la CO2 sotto forma di carbonio organico, sono gli organismi piu’ adatti per limitare l’aumento del biossido di carbonio atmosferico poiche’, oltre alla riduzione diretta del gas, sono in grado di innescare uno scambio positivo che porta al miglioramento del microclima.(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.