Vinitaly alla 50/a edizione: e-commerce è il futuro

vino1
Vinitaly ha cinquant’anni di storia da celebrare, quest’anno, guardando e costruendo il futuro di un comparto, il vitivinicolo, che nel suo complesso vale oltre 14 miliardi di euro, con l’export che nel 2015 ha raggiunto la soglia-record di 5,4 miliardi di euro, in crescita del 5,4% sul 2014. “Nel 1967, al primo taglio del nastro, si parlava perlopiù in dialetto; ora al Vinitaly si sentono tutte le lingue, e questo da’ speranza alle imprese per una crescita nel segno dell’internazionalizzazione” ha detto il presidente di Federvini Sandro Boscaini, tra gli intervenuti alla conferenza di presentazione a Roma del 50/mo Salone del vino e dei distillati, che si terrà alla fiera di Verona dal 10 al 13 aprile. Una illustrazione di una edizione da record, con più di 4.100 espositori e oltre 100mila metri quadrati espositivi netti; numeri che ne fanno la prima fiera mondiale sul settore vitivinicolo. E che, domenica 10 aprile, sarà inaugurata dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. “Non è cosa di poco conto che il Quirinale sia con noi – ha sottolineato il ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina – proprio nel punto di crinale, nell’anno di svolta e di costruzione soprattutto dei prossimi 50 anni del Salone internazionale del Vino e dei Distillati, che rappresenta una esperienza straordinaria per tutta l’Italia. Un appuntamento, quello di Veronafiere, che è anche una palestra fondamentale per quei giovani che scelgono di fare impresa in un mondo legato alla terra e alla qualità paesaggistica. Al Vinitaly insieme al presidente Mattarella costruiremo, così come a Expo, il futuro del settore vitivinicolo che ha nel digitale una delle grandi sfide di crescita”. E che il futuro del comparto sia legato all’e-commerce lo dimostrerà in prima persona il presidente del Consiglio Matteo Renzi che torna a Vinitaly per un incontro con Jack Ma, fondatore e presidente del colosso cinese dell’e-commerce Alibaba. “Sarà bellissimo, il premier e un grande soggetto internazionale proveranno a leggere le prospettive del sistema Italia dentro questa partita” ha detto con entusiasmo Martina. “Puntiamo sulla sfida digitale per far crescere il vino made in Italy” ha detto Martina che ha promosso in fiera lo spazio World Wine Web coinvolgendo i colossi del web, da eBay ad Amazon fino a Google. Tra gli appuntamenti istituzionali annunciati dal ministro delle Politiche agricole quello con i colleghi ministri di tutti i Paesi europei produttori di vino. Intanto nella città di Giulietta si scaldano i motori. “Con Vinitaly and the City, Verona, terza meta turistica in Italia, consentirà di vivere la città, prima e durante la 4 giorni di fiera. E gli eventi correlati saranno in cartellone tutto l’anno” ha detto Flavio Tosi, sindaco di Verona, ricordando che è la prima provincia d’Italia per produzione ed export. Per il 2016 Veronafiere “ha investito 8 milioni di euro per aumentare il già alto tasso di internazionalità di Vinitaly – ha concluso Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere -, con 55mila operatori stranieri da 141 nazioni presenti nel 2015, pari al 37% del totale. Quest’anno avremo 1.000 buyer selezionati in più dall’estero”.
(di Alessandra Moneti – ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.