Vino: 2012 in ripresa, Usa e Cina spingono i consumi

barrique 2
L’anno scorso nel mondo si è bevuto più vino rispetto all’anno prima. Ripartono quindi i consumi, anche se in maniera timida e senza tornare ai livelli pre-crisi. Il segnale tuttavia c’è e viene subito registrato dall’Oiv, Organisation internazionale de la Vigne et du Vin, che attribuisce la nuova spinta al gradimento dimostrato da americani e cinesi. Nel 2012 i consumi mondiali di vino si sono attestati a quota 245,2 milioni di ettolitri, in crescita di 1,4 milioni di ettolitri rispetto al 2011 (+0,6%). In Europa però non si è bevuto di più rispetto all’anno prima: è soprattutto fuori dei confini europei, dice infatti l’Oiv, che l’evoluzione appare positiva, fortemente sostenuta dagli Stati Uniti e dalla Cina, dove si annidano i nuovi “winelovers”. I cinesi l’anno scorso hanno consumato il 9% di vino in più mentre gli Usa si attestano a 29 milioni di ettolitri, in crescita dl 2%. La produzione globale tuttavia è fiacca (sfiora i 251 milioni di ettolitri), in particolare in Europa a causa soprattutto dalla riduzione dei vigneti e dalle cattive condizioni meteo. “I dati 2012 confermano la battuta d’arresto dell’arretramento dei consumi a causa della crisi, senza tuttavia ancora ritrovare il ritmo di sviluppo della domanda mondiale prima della crisi”, sottolinea l’Oiv. Le esportazioni sono rimaste stabili a 101,4 milioni di ettolitri e l’Italia si conferma primo esportatore mondiale in volume con 21,5 milioni di ettolitri, seguita dalla Spagna a 19,1 mln/ettolitri, e dalla Francia 15 mln/ettolitri, che mette a segno però un forte aumento (+6%). “Nei bicchieri degli italiani sono stati versati 40 milioni di litri di vino in meno nel 2012”, in controtendenza rispetto ai consumi mondiali in crescita segnalati dall’Oiv, è il commento della Coldiretti. Oltre alla produzione 2012 in calo, “i consumi di vino degli italiani sono scesi del 2% per un valore di 22,6 milioni di ettolitri. molto vicino a quello di 21,5 milioni di ettolitri in export del primato enologico Made in Italy nel mondo. Una posizione competitiva importante, mentre si sta profondamente modificando la mappa internazionale della domanda di vino”. Negli Stati Uniti il vino italiano – sottolinea la Coldiretti – supera lo storico tetto di un milione di euro in valore, con un aumento del 6%, mentre un incremento a due cifre si registra in Cina, dove le bottiglie tricolori stanno conquistando sempre più spazi di mercato (+17 per cento, da 66 milioni a 77 milioni). Ma è l’intero continente asiatico a rivelarsi terra di conquista per i prodotti tricolori, con un aumento netto del 20 per cento. L’identikit dei nuovi ‘winelovers’ viene tracciato da Winenews: i cinesi adorano le griffe e inseguono l’idea di status symbol e lusso, i brasiliani amano sperimentare, mentre i russi sono disposti a spendere grosse cifre. (di Paola Barbetti) (ANSA)

Un Commento in “Vino: 2012 in ripresa, Usa e Cina spingono i consumi”

  • Rosario scritto il 2 aprile 2013 pmmartedìTuesdayEurope/Rome 18:03

    FINALMENTE!!! Forza Italia (che non è il movimento politico), almeno in qualche cosa siamo veramente i PRIMI.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.