Vino biologico: la Ue ci riprova, ma senza successo

La Commissione europea ha tentato di rilanciare – ma senza successo – il progetto per regolamentare la produzione di vino biologico in Europa. Si e’ trattato dell’ennesimo tentativo di Bruxelles – su un testo gia’ respinto lo scorso anno dagli Stati membri – per trovare un compromesso credibile affinche’, chi produce, si adegui a dei reali standard biologici rispetto a quelli in vigore per il vino convenzionale. La Commissione Ue, hanno spiegato esperti comunitari all’ANSA, ”ha dovuto constatare che le posizioni dei partner europei restano immutate, in particolare sulle soglie da autorizzare per la presenza di solfiti nel vino”. Il progetto del commissario europeo all’agricoltura Dacian Ciolos, prevedeva infatti per il vino biologico una presenza di solfiti pari a 100 milligrammi il litro per i vini rossi e 150 per i vini bianchi e rose’, ossia 50 milligrammi in meno per ogni categoria rispetto agli livelli attualmente in vigore per i vini convenzionali. Contro questi limiti, considerati troppo rigidi, erano insorti una maggioranza di Paesi Ue, essenzialmente del Nord Europa, Francia compresa. Si tratta di Stati membri i cui territori sono in tutto o in parte carenti di sole, e hanno bisogno dei solfiti (ossia dell’aggiunta di anidride solforosa che e’ un antiossidante) per stabilizzare il vino, oltre che dello zucchero per alzarne la gradazione alcolica. Contro questo approccio i partner del Sud, come l’Italia, dove il vino biologico rappresenta una nicchia di produzione ancora tutta da sfruttare: un mercato che i Paesi del Nord Europa non vogliono perdere, ma non possono fare a meno dei solfiti per produrre. Al momento quindi il negoziato appare ancora bloccato, e in Europa si puo’ continuare a produrre vino biologico senza una severa regolamentazione Ue. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.