Vino: diminuiscono le scorte mondiali


Le scorte di vino sono al loro punto più basso negli ultimi 10 anni, e l’industria si sta avvicinando a un punto di equilibrio dopo anni di eccesso di offerta”. Lo afferma, secondo quanto indica Winenews, il rapporto Rabobank relativo al secondo trimestre. Misure di mercato come l’Ocm vino in Europa, ma anche l’andamento climatico negli ultimi anni hanno portato a una diminuzione della produzione e a un rialzo dei prezzi di uve da vino e di prodotto sfuso. “Se da un lato i prezzi in crescita – afferma il report – sono una buona notizia per molti produttori che hanno visto una perdita di redditività negli ultimi anni, per contro la crescita dei prezzi è stata repentina e sensibile e molte cantine faticano a trasferire maggiori costi di produzione che ne derivano ai consumatori, soprattutto in un periodo economico difficile come questo”. In ogni caso, dice Rabobank, l’equilibrio ottimale di mercato, anche nel vino, è legato ad un fattore chiave per l’economia mondiale: la ripresa dell’Eurozona. La vendemmia 2012 a livello mondiale sembrerebbe comunque andare nel segno di una maggiore abbondanza sul 2011, una delle annate più scarse a livello planetario. In California il raccolto previsto dovrebbe essere al di sopra della media, e anche nella Vecchia Europa, nel complesso, per gli analisti Rabobank, si dovrebbe andare verso un buona vendemmia. In Australia si dovrebbero raccogliere 1,66 milioni di tonnellate di uva da vino (+4% sul 2011), mentre la Nuova Zelanda dovrebbe vedere un calo del 18%. Giù anche l’Argentina (-22%), mentre dovrebbe crescere il Sudafrica (+3,5%).

Tags: , ,

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.