Vino, i nuovi consumatori preferiscono quelli a bassa gradazione


Il vino che piace? E’ metrosexual, come il nuovo maschio. Dopo gli eccessi degli anni ’80 e ’90, quando il gusto comune prediligeva vini e uomini “muscolosi”, con il nuovo millennio si e’ aperta una nuova era, in cui vincono tipi light, femminili e gentili. Se e’ sempre piu’ diffuso un modello di uomo che non ha paura di nascondere alcuni tratti da sempre ritenuti prerogativa del gentil sesso – la sensibilita’, la cura per il proprio corpo e la propria salute, l’attenzione per la moda – tra gli amanti del buon bere si sta affermando il prototipo di un vino caratterizzato da leggerezza, bassa gradazione alcolica e spiccata acidita’. E’ questa una delle tendenze che winenews ha registrato. Negli ultimi anni il modello maschile predominante ha subito una profonda evoluzione. Gli uomini di oggi non temono piu’ di mostrare il proprio lato femminile: si dedicano con piacere alla palestra, fanno la sauna, vanno dall’estetista, seguono le tendenze dalla moda. Il nuovo maschio metrosexual e’ sensibile e gentile, lontano anni luce dalle rudezze e asperita’ del vecchio modello di uomo “che non deve chiedere mai”. In parallelo, anche i gusti dei consumatori sono cambiati: non si cerca piu’ come prima il vino troppo legnoso, concentrato, importante, con gradazioni elevate. I paradigmi degli anni ’80 e ’90, quelli che hanno decretato il successo planetario dei vini “muscolari”, tutto frutto e dolcezza, assolutamente esenti da qualunque asperita’ gustativa, sono ormai obsoleti. Il nuovo consumatore si orienta su etichette piacevoli e non pesanti, che grazie al minore contenuto alcolico possono essere consumate con maggiore liberta’, in osservanza alle leggi sempre piu’ restrittive sul consumo di alcol. Un cambiamento che comincia a prender piede nei consumatori di vino, che guardano con crescente attenzione alle etichette piacevoli, fresche e di facile beva. Sempre piu’ si cerca il vino perfetto da degustare non solo a cena, ma anche in altre occasioni – come un light lunch o un happy hour – nelle quali e’ importanti alzarsi da tavola senza sentirsi troppo appesantiti dall’alcol, cosi’ da riprendere senza problemi a lavorare o guidare. Ecco allora che si preferiscono vini a bassa gradazione, che esaltino il gusto del cibo anziche’ coprirlo e che, allo stesso tempo, abbiano ognuno una propria identita’, che li distingue nettamente l’uno dall’altro. Questo e’ uno dei motivi per cui, si e’ assistito alla costante ascesa delle bollicine, estremamente versatili e trasversali, perfette dall’aperitivo a tutto pasto. Anche la’ dove piu’ forte e’ stata la tendenza a premiare (in tutti i sensi) i “vinoni”, e cioe’ gli Usa le cose stiano cambiando, anche se forse i vini “muscolosi” continueranno a segnare pesantemente l’andamento delle vendite ancora per qualche tempo.(AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.