Vino: la Corte Ue vieta di etichettarlo come “facilmente digeribile”


La Corte di giustizia europea mette in guardia consumatori e soprattutto produttori: ‘occhio all’etichetta’ perché “vendere e pubblicizzare un vino, ad esempio come ‘facilmente digeribile’ è vietato dalle norme europee”. In effetti, la tentazione è forte per i produttori europei di influenzare la scelta dei consumatori riportando sulla bottiglie delle indicazioni per la salute. Nel caso specifico a farlo è stata una cooperativa di viticoltori della Renania Palatinato (Germania), che pubblicizzava direttamente sulla bottiglia “lo speciale processo protettivo di deacidificazione biologica del loro vino” definendolo “Edizione leggera, acidità lieve, facilmente digeribile”. In realtà l’indicazione è ben lontana da essere ininfluente sul consumatore. Questo tipo di etichetta – riconoscono i giudici europei – suggerendo che il vino viene assorbito e digerito bene, sottintende che il sistema digerente non ne soffra o ne soffra poco, anche in seguito a più consumi. Inoltre, va detto che la sentenza della Corte di giustizia europea salvaguardia indirettamente gli altri vini di qualità in quanto l’indicazione salutista fuorviante, presume che il consumo di altri vini provochi effetti duraturi negativi per il sistema digerente e, conseguentemente, per la salute. Il diritto dell’Unione – dice senza mezzi termini la Corte di nella sua sentenza – vieta tutte “indicazioni sulla salute” nell’etichettatura e nella pubblicità per le bevande contenenti più dell’1,2% in volume di alcol, quindi anche per il vino”. Un divieto inteso tutelare la salute dei consumatori.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.