Vino: le critiche della Cia ai dazi in Russia


“Una decisione discutibile e ingiustificata che farà perdere ai nostri vini importanti quote di mercato in Russia dove le nostre etichette sono leader assolute con un import dell’80% e porterà ad incrementi dei prezzi del 30%”. Commenta così il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori, Giuseppe Politi, la nuova imposizione fiscale per le bottiglie italiane, entrata in vigore ieri, che è più del doppio di quella prevista per i prodotti francesi e spagnoli. “E’ evidente che con un tale provvedimento -continua Politi – i nostri vini subiranno un incremento del 30% dei prezzi al consumo, con ripercussioni negative su import, distribuzione e vendita delle bottiglie ‘made in Italy’, senza contare il meccanismo di concorrenza sleale con i nostri maggiori competitor europei, Francia e Spagna, che risultano favoriti dal momento che non sono sottoposti alle stesse imposizioni”. Politi ricorda che questa misura rende vani gli impegni di promozione previsti dall’Ocm vini e sottolinea la preoccupazione dei produttori italiani. “Ecco perché – conclude -chiediamo ai ministri delle Politiche agricole e a quello degli Affari esteri di attivarsi urgentemente presso tutte le autorità competenti, affinché il problema trovi la giusta soluzione”.(ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.