Vino Nobile di Montepulciano, i problemi della nuova Ocm


Preoccupazione per ”le potenziali conseguenze della nuova Pac e sull’Ocm vino” (la riforma del mercato europeo), con la cancellazione dei diritti di impianto dei vigneti a partire dal 2015 sono espresse in una nota, dal consorzio del Vino Nobile di Montepulciano (Siena). Per il consorzio ”con la potenziale liberalizzazione degli impianti, senza alcuno strumento di gestione della produzione, si rischierebbe di destabilizzare l’economia di un territorio a forte vocazione, con fenomeni destabilizzanti come potenziali sovrapproduzioni, cadute dei prezzi, speculazioni, perdita dei valori patrimoniali dei vigneti”. La nota ricorda che ”come in molte altre aree anche a Montepulciano la produzione vitivinicola si avvale del controllo dei diritti di impianto. Il principio base e’ che nuovi vigneti possano essere impiantati solo se supportati da diritti di impianto in mano al viticoltore, o se particolari esigenze di mercato possano richiedere nuovi impianti, attingendo alle riserve regionali. L’Ocm prevede la soppressione al 31 dicembre 2015 di questo regime”. Per il coordinatore del consorzio Paolo Solini, ”questo rappresenterebbe un problema per i produttori di Vino Nobile perche’ chiunque potrebbe intervenire in un terreno piantando nuovi vigneti e producendo Vino Nobile, creando un sistema di difficile controllo e soprattutto il rischio di una sovrapproduzione”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.