Vino: cosa cambia con il nuovo decreto


Vita piu’ facile per il produttore di vini di qualita’ e maggiore sicurezza per i consumatori. Sono questi i capisaldi del nuovo decreto legislativo a tutela dei vini di qualita’ (denominazione origine e indicazione geografica) approvato dal Consiglio dei ministri. Provvedimento che di fatto riorganizza il settore dopo 18 anni di stasi, puntando a meno burocrazia, controlli piu’ adeguati e facendo salve le tipiche denominazioni italiane ‘Docg’, ‘Doc’ e ‘Igt, pur nel rispetto delle indicazioni comunitarie.
Ma soprattutto si elimina il problema del ‘Quis custodiet custodes’ (Chi controllera’ i controllori?), levando il controllo della qualita’ del prodotto ai consorzi produttori e affidandolo a un Ente terzo. Disposizione che dovrebbe evitare il ripetersi di casi tipo la truffa sul Brunello di Montalcino – tagliato con altre uve a dispetto di un disciplinare che le vuole 100% sangiovese – perpetrata da alcuni produttori, con la conseguenza di portare alla chiusura delle frontiere Usa al ‘re dei vini’ per un lungo periodo.
Vicende che l’Italia, che del nettare di Bacco e’ il primo produttore mondiale e per la quale il vino rappresenta la prima voce dell’export agroalimentare con 3,6 miliardi di valore delle esportazioni, ”non puo’ appunto permettersi” – aveva detto il ministro delle politiche agricole Luca Zaia nel presentare a dicembre scorso il decreto legislativo in Cdm per il primo via libera. Coldiretti sottolinea come il 60% della produzione italiana sia Docg (denominazione di origine controllata e garantita), Doc (denominazione di origine controllata) e a indicazione geografica tipica (Igt). Il si’ definitivo del Cdm lascia naturalmente soddisfatto il ministro Zaia che parla di ”provvedimento storico che mette al centro la qualità dei vini e la tutela dei consumatori e il rafforzamento della redditività delle imprese”. Ma tutti i rappresentanti del settore salutano positivamente il decreto. In particolare Assoenologi, tramite il direttore generale Giuseppe Martelli rileva le novita’ che favoriscono la commercializzazione del prodotto, con la facolta’ attribuita alle Regioni di contenere o persino abbattere la produzione vinicola se le uve non dovessero trovare mercato.
Ottima, secondo Martelli, anche l’eliminazione degli Albi dei vigneti e degli Elenchi delle vigne, resi obsoleti dallo schedario viticolo che costituisce di fatto una banca dati. Importanti,infine, il raddoppio da 5 a 10 anni della sosta per ottenere il riconoscimento da Doc a Docg, la riforma del sistema dei controlli e del ruolo dei Consorzi, nonché gli aspetti del nuovo impianto sanzionatorio. Federvini saluta positivamente la semplificazione burocratica del settore ma esprime timori sull’aggravio di costi per le imprese che puo’ venire dal nuovo sistema dei controlli. Preoccupazione che esprime anche Fedagri-Confcooperative. La Cia-Confederazione italiana agricoltori riconosce infine che con il decreto si e’ fatto un importante passo avanti per la riorganizzazione del settore ma sottolinea l’esigenza che vengano al più presto varati i decreti attuativi, ”per dare un quadro certo dove poter operare senza ulteriori intralci”.
(di Cristina Latessa) (ANSA)

Un Commento in “Vino: cosa cambia con il nuovo decreto”

Trackbacks

  1. Vino: cosa cambia con il nuovo decreto | Con i piedi per terra

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.