Vino: produttori in difesa dell’Amarone


Levata di scudi delle ‘famiglie dell’Amarone d’Arte’. Dodici produttori storici (Allegrini, Begali, Brigaldara, Masi Agricola, Musella, Nicolis, Speri, Tedeschi, Tenuta Sant’Antonio, Tommasi, Venturini, Zenato), riuniti in associazione, hanno lanciato oggi a Milano un manifesto per difendere il simbolo della Valpolicella. Un documento in 7 punti per tutelare il vino tanto apprezzato da Ernst Hemingway (quando soggiornava al Torcello di Venezia raccontano che era solito berne sei bottiglie a notte) che ”e’ minacciato”, secondo le ‘famiglie dell’Amarone d’Arte’, ”dall’eccessiva produzione che non tiene conto delle zone vocate” e ”da azioni commerciali che rispondono spesso a logiche di basso prezzo, in canali distributivi di massa”. Le 12 famiglie dell’Amarone d’Arte contano su una superficie vitata di 576,91 ettari e hanno registrato nel 2009 un fatturato complessivo di 119 milioni di euro (29 milioni di euro solo di Amarone). Mentre ammontano a 2 milioni le bottiglie di Amarone prodotte. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.