Vino: Uiv, tempi rapidi per definire sistema autorizzazioni

vigne brunello montalcino”Grazie all’impegno e alla determinazione del Mipaaf durante le fasi di confronto in sede comunitaria per la definizione dei regolamenti della Commissione Europea, che ha sostanzialmente recepito le proposte avanzate da Unione Italiana Vini, sul nuovo regime di autorizzazioni per gli impianti viticoli, credo sarà possibile mettere a punto il nuovo sistema delle autorizzazioni in tempi rapidi, permettendoci così di recuperare il lieve gap di ritardo con altri paesi europei ed essere pronti per il 1 gennaio 2016”. Così il presidente di Unione Italiana Vini (Uiv) Domenico Zonin nel sottolineare che ”sarà possibile, inoltre, gestire con altrettanta rapidità e snellezza l’avvio del nuovo sistema evitando quei pericoli, purtroppo a noi ben noti, di complicanza burocratica che discenderebbe dall’inserimento di criteri di priorità nell’assegnazione delle autorizzazioni”. ”Siamo sicuri che – conclude Zonin – il “combinato-disposto” del criterio “pro-rata” e di un meccanismo di “penalty” efficace per il mancato utilizzo delle autorizzazioni, potrà portare all’obiettivo, da tutti noi auspicato, di mettere a disposizione nuove possibilità di impianto e investimento per quelle aree e quelle aziende che oggi ne hanno bisogno, perché incontrano il favore del mercato e la richiesta dei consumatori”. L’Unione Italiana Vini continua a partecipare al confronto che il Mipaaf ha avviato con la filiera su questo importante disposto legislativo e ”proseguirà nel sostenere un’implementazione semplice e flessibile del sistema, che tenga conto delle esigenze produttive delle aziende e dell’orientamento di mercato, come, peraltro, deliberato dal nostro Consiglio nazionale”.
Per il presidente dell’Unione Italiana Vini ”l’assegnazione “pro-rata” dovrà procedere di pari passo – e coerentemente – con l’elaborazione degli altri aspetti del “sistema autorizzativo” tra i quali, uno di particolare importanza, riguarda le sanzioni, o in genere le “penalty”, per chi, ottenute le autorizzazioni, non le eserciti adeguatamente e in tempi rapidi. E’, infatti, evidente il danno grave che subirebbe il nostro Paese nel suo complesso – e i produttori nel loro particolare – da autorizzazioni concesse e non esercitate, un danno che, se reiterato negli anni, potrebbe diventare preoccupante soprattutto perché combinato con una disponibilità di nuovi ettari vitati, come abbiamo più volte detto, notevolmente inferiore al tasso di declino del potenziale viticolo italiano”.(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.