Xylella: Coldiretti Puglia, occorre stato calamità naturale

olivi“Solo la dichiarazione di stato di calamità naturale può innescare urgenti misure di sostegno in favore di olivicoltori, cooperative, frantoi e vivai salentini”: lo sostiene in una nota il presidente della Coldiretti Puglia, Gianni Cantele, intervenendo a proposito dell’emergenza creatasi nel Salento con la xylella fastidiosa, il batterio che sta distruggendo migliaia di ulivi secolari. “Dopo aver atteso 1 anno e mezzo lo stato di emergenza, – si legge nella nota – rischiamo di aspettare all’infinito e invano la declaratoria di stato di calamità naturale causata dalla ‘xylella fastidiosa’ e questo perché il Parlamento italiano non ha discusso e approvato la modifica della legge 102 con l’inserimento delle fitopatie fra le calamità naturali, già previste dalla rinnovata regolamentazione comunitaria e non ancora recepite dall’Italia. Del resto è la Regione Puglia a non aver mai sollecitato la dichiarazione urgente di stato di calamità, un atteggiamento incomprensibile quanto difficilmente giustificabile”. “Fermo restando – si sottolinea – l’importante lavoro parlamentare e la convocazione delle due Commissioni Agricoltura alla Camera e al Senato, per cui ringraziamo gli onorevoli pugliesi Salvatore Capone, Colomba Mongiello ed il senatore pugliese Salvatore Tomaselli, a questo punto solo il premier Renzi ed il ministro Martina sono in grado di imprimere una accelerata utile a fare uscire il Salento dalla grave impasse che rischia di avere pesanti ripercussioni sugli imprenditori olivicoli, lasciati soli a combattere una battaglia ad armi evidentemente impari”.(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.