Zootecnia: Confagri contro Aia, no obbligo iscrizione razze

maiali7E’ inaccettabile e anacronistica la proposta dell’Aia di imporre a tutti gli allevamenti che operano in una delle filiere produttive dei prodotti a denominazione d’origine protetta l’iscrizione dei propri capi al libro genealogico di razza. Lo fa sapere la Confagricoltura che, in una nota, si dice ”sconcertata e preoccupata” in quanto la proposta sarebbe abbinata ad un’ipotesi di modifica della Legge 30 del 1991 inerente la riproduzione animale e la tenuta dei Libri genealogici. Mentre da tempo l’Europa e le Autorità garanti della Concorrenza e del Mercato chiedono, come auspicato dalla parte più avanzata del mondo produttivo, di rendere possibile agli operatori di scegliere tra diverse strutture, spiega Confagri, sul fronte della selezione c’è chi, invece, per fini diversi dalla ricerca dell’efficienza economica e produttiva, punta verso improponibili situazioni di monopolio. Confagri ricorda che ”l’attuale legge 30/91 è ritenuta non conforme alla normativa sulla concorrenza, in quanto attribuisce ”ingiustificati vantaggi agli iscritti al sistema Aia anche nell’individuazione di canali distributivi e commerciali privilegiati” e che quindi vanno contrastate tutte le norme che possano rendere obbligatoria per l’esercizio di una qualsiasi attività produttiva l’iscrizione ad un sistema chiuso”. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.