Zootecnia: continua l’affanno del settore. L’allarme di Confagricoltura

bovini carne 2
La prima metà di ottobre non ha portato buone notizie per il comparto zootecnico. Lo evidenzia Confagricoltura che sta monitorando mercati e quotazioni, preoccupata per la capacità di tenuta economica degli allevamenti. Per il mercato del latte ovino, sottolinea Confagricoltura, le piazze sarde stentano a definire le basi per il rinnovo dei contratti, mentre quelle del Centro Italia propongono ipotesi di prezzo assolutamente non remunerative. Il mercato avicunicolo, nelle ultime settimane, è stato caratterizzato da una fase di assestamento, dopo un periodo abbastanza soddisfacente. Qualche timido segnale positivo, dopo una forte stagnazione, è rilevato da Ismea nel segmento dei conigli. Per le altre specie avicole persistono evidenti incertezze, tranne che per il comparto delle uova in crescita. Listini stabili nel settore bovino, con lievi aggiustamenti al ribasso su alcune piazze; per i capi vivi da macello però i prezzi sono inferiori rispetto allo scorso anno. Mentre le transazioni sono diminuite nel comparto dei vitelloni e delle vacche, sono aumentate in quello dei vitelli. Confagricoltura segnala infine tensioni nel settore suinicolo, con una tendenza dei valori medi di mercato per i capi da macello al ribasso. Anche l’attività della Cun (Commissione unica nazionale) risente della situazione di incertezza, non riuscendo a trovare un accordo, per la terza settimana consecutiva, su quotazioni condivise tra allevatori e macellatori.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.